Castagnaccio alla toscana: le ricette di Famigliainfuga

Castagnaccio alla toscana: le ricette di Famigliainfuga

Il castagnaccio alla toscana

Un’altra ricetta di Famigliainfuga

Il castagnaccio, o baldino o pattona, è un dolce tipico preparato con la farina di castagne e arricchito con uvetta, pinoli, noci e rosmarino. Difficile stabilire l’esatta origine del castagnaccio.

Si presuppone che l’origine sia toscana e che come il caciucco nasce come un pasto per i poveri.

Una ricetta ideale per l’autunno, l’ingrediente fondamentale è la farina di castagne che può essere più o meno macinata.

La ricetta classica del castagnaccio non prevede utilizzo di latte né di burro né di uova ma solo di acqua per permettere alla farina di essere lavorata correttamente; come per ogni ricetta della tradizione, anche quella del castagnaccio è sottoposta a revisioni e correzioni che variano di famiglia in famiglia.

Non bisogna aggiungere lo zucchero, perché il castagnaccio è già dolce.

INGREDIENTI

 

  • 100 gr di uva sultanina
  • 200 gr di farina di castagne
  • Olio
  • Sale
  • 30 gr di pinoli
  • 1 rametto di rosmarino

 

PREPARAZIONE

Fate rinvenire l’uva sultanina in acqua tiepida. Nel frattempo mettete la farina di castagne in una terrina, unitevi tre cucchiai di olio, un pizzico di sale e poco alla volta due bicchieri d’ acqua.

Castagnaccio alla toscana: le ricette di Famigliainfuga - uva sultanina
Uva sultanina

Lavorate a lungo gli ingredienti con un cucchiaio di legno fino a che non avrete ottenuto un composto omogeneo e privo di grumi.

Ungete con un filo di olio una teglia e trasferitevi il composto. Strizzate l’uva sultanina e distribuitela sull’ impasto insieme ai pinoli e le fogliette di rosmarino finemente tritate.

Fate cuocere in forno a 220 ° per 35-40 minuti, lasciando cuocere fin quando la superficie non sarà dorata e con qualche crepa.

Adagiate il castagnaccio sul piatto da portata e servitelo tiepido.

TEMPO DI COTTURA: 1 ora

CONSIGLI UTILI PER PREPARARE UN CASTAGNACCIO BUONISSIMO

La temperatura del forno va calibrata in base alla propria macchina: se sai che il tuo forno scalda tantissimo, riduci la temperatura in modo che il castagnaccio non si bruci. Allo stesso modo, se il tuo forno fatica a scaldarsi e a scaldare, alza la temperatura al massimo in modo che il castagnaccio non subisca bruschi sbalzi di temperatura e riesca a cuocerci in maniera uniforme.

Impastare la farina a mano, mai nella planetaria: solo in questo modo si otterrà la consistenza giusta e si potrà aggiustare di acqua, laddove necessario.

E’ necessario utilizzare una teglia alta massimo 2 cm perché secondo tradizione il castagnaccio non può essere più alto di 1 cm.

Per preparare un castagnaccio simile a quello che si trova nei forni toscani è necessario aggiungere mezzo bicchiere di olio all’impasto: in questo modo si otterrà un composto abbastanza unto che, in cottura, diventerà abbastanza olioso.

Leggi anche: Ricetta del gattò aretino o salame del rè

Una video ricetta

Ricetta by: Kather20

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: