Il cinghiale in umido: le ricette di Famigliainfuga

Il cinghiale in umido della Maremma: le ricette di Famigliainfuga

Ecco la ricetta del cinghiale in umido come viene fatto in Maremma

Un piatto tipico di Grosseto e provincia.

Ecco un’altra ricetta di Famigliainfuga

Il cinghiale in umido è un secondo piatto molto gustoso e saporito di origine contadina, generalmente si prepara durante il periodo invernale in occasione di Natale o Capodanno.

La sua preparazione è abbastanza semplice, ma affinché sia saporito richiede un po’ di tempo.

INGREDIENTI:

 

  • ½ kg cinghiale
  • 1 cipolla
  • 3 foglie alloro
  • 1 foglia di salvia
  • Pepe Q.B.
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 foglia di basilico
  • 1 costa di sedano
  • 1 foglia di basilico
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 carota
  • 1 litro di vino rosso
  • 300 gr di pomodori pelati
  • Sale Q.B.
  • Olio di oliva Q.B.

 

Per prima cosa pulite la carne per bene, tagliatela a pezzi, mettetela in acqua per 5 ore con vino rosso e le erbe aromatiche e ricopritela con vino rosso.

Dovrete lasciare riposare la carne per tutta la notte. Dopo il tempo di riposo, sgocciatela bene e rosolatela per qualche minuto.

In fase di cottura, la carne non deve rilasciare acqua, qualora dovesse rilasciarla eliminatela.

Unite il brodo e un bicchiere di vino rosso e portate il tutto ad ebollizione.

Aggiungete i pomodori pelati e regolate il sale. Dopo che avrete unito il tutto, la cottura è di circa due ore a fuoco basso o fino a quando la carne risulta tenera infilzandola con una forchetta, dovrete ricordarvi di mescolare di tanto in tanto.

Se serve aggiungete dell’acqua, nel caso che il fondo di cottura si riduca troppo. Spegnete il fuoco e servite il cinghiale ben caldo.

COME SERVIRE IL CINGHIALE

Più comunemente, il cinghiale si serve e si prepara con le patate, qui potrete spaziare anche con polenta e purè di patate.

Entrambi i contorni possono essere abbinati, difatti il cinghiale è una carne molto magra con un alto contenuto proteico, con l’abbinamento dei carboidrati diviene un piatto completo dal punto di vista nutrizionale.

QUANTO TEMPO CONSERVARE IL CINGHIALE

Lo spezzatino di cinghiale in umido si conserva per al massimo 4 giorni in frigorifero chiuso in un contenitore ermetico.

La ricetta in questione viene preparata senza aggiunta di grassi, può essere congelata se la carne è fresca.

Oltre al cinghiale in umido esistono diverse varianti: cinghiale in bianco, cinghiale al sugo, cinghiale in forno.

La cottura con la salsa di pomodoro poi dovrà proseguire per alcune ore in modo che la carne possa diventare molto tenera. Potete arricchite il sugo con del peperoncino fresco tritato finemente o un cucchiaino di peperoncino macinato.

Leggi anche: Castagnaccio alla toscana

Un video della ricetta offerto dal canale: Italyaround

Altre ricette

[vc_masonry_grid post_type=”post” max_items=”10″ item=”4518″ grid_id=”vc_gid:1522940914696-5181045d-da24-10″ taxonomies=”5205″]

You may also like

Email Newsletter