Rocca Calascio dove tocchi le stelle con un dito

Rocca Calascio

Rocca Calascio un esperienza unica

Mentre percorrevamo la strada stretta e ripida con tutte quelle curve, tra me ripetevo ma chi me lo ha fatto fare, giuro mi girava la testa, forse la pressione, forse il fatto di passare per una strada innevata stretta, ma ne è valsa la pena.

Un esperienza unica, un posto magnifico, sembra di essere ritornati indietro di mille anni.

Siamo arrivati nel pomeriggio, ma essendo febbraio il buio è arrivato presto ed abbiamo avuto solo il tempo di disfare le valige e metterci davanti al caminetto, naturalmente con una buona bottiglia di vino.

Rocca Calascio vista castello

Ci siamo svegliati con tutto il paese imbiancato, uno spettacolo unico, visitare a prima mattina la rocca è un esperienza veramente bella, non abbiamo sentito il freddo e nemmeno la fatica di camminare sulla neve per raggiungerla, sapevamo di trovare uno spettacolo fantastico.

Sapere di essere nel posto dove sono stati girati film come Lady Hawke, oppure il nome della rosa o la serie prodotta dalla Rai su Padre Pio, ha reso la camminata verso la rocca meno faticosa.

Castello di Rocca Calascio copyright FAMIGLIAINFUGA.COM
Castello di Rocca Calascio copyright FAMIGLIAINFUGA.COM

 

Nel 1968 il regista Romano Scavolini ha diretto un documentario dal titolo Nel silenzio dei sassi sullo spopolamento di Rocca Calascio.

Rocca Calascio ruderi copyright FAMIGLIAINFUGA.COM
Rocca Calascio ruderi copyright FAMIGLIAINFUGA.COM

 

Un pò di storia

Questa rocca ha cambiato molti padroni nel corso dei secoli, da  Leonello Acclozamora della baronia di Carapelle, poi da re Ferdinando ad Antonio Todeschini della famiglia Piccolomini.

Nel 1579 la famiglia Medici, acquisto la rocca ed il vicino borgo di Santo Stefano di Sessanio per 106.000 ducati, al fine di estendere i propri possedimenti per sfruttare il commercio della lana. Purtroppo nel 1703 un violentissimo terremoto costrinse gli abitanti a trasferirsi nel vicino borgo di Calascio.

Agli inizi del XX secolo il paese e la rocca vennero completamente abbandonati, fino a quando non furono girati films importanti, sull’onda di questa fama sono nate alcune strutture ricettive e qualche casa è stata restaurata.

Rocca Calascio vista paese copyright FAMIGLIAINFUGA.COM
Rocca Calascio vista paese copyright FAMIGLIAINFUGA.COM

La seconda notte il cielo stellato sembrava la carta che usiamo per il presepe, mancava solo la stella cometa, sembrava di poter toccare quei punti luminosi con un dito, saremmo rimasti con lo sguardo verso l’alto per ore.

Una vacanza diversa, tre giorni di puro relax e silenzio, lontano dai rumori quotidiani e dalla routine. Forse i bambini non si saranno divertiti come in un villaggio turistico, ma hanno fatto un esperienza diversa, che porteranno per sempre con loro.

Rocca Calascio Chiara e Lele
Rocca Calascio Chiara e Lele copyright FAMIGLIAINFUGA.COM
Rocca Calascio Alessia e Lele copyright FAMIGLIAINFUGA.COM
Rocca Calascio Alessia e Lele copyright FAMIGLIAINFUGA.COM

Come si arriva?

Dall’autostrada A24 ( Roma -Teramo) uscire a L’Aquila Est e seguire le indicazioni per Sulmona. Superato Poggio Picenze, prendere a sinistra per Barisciano. Superato il paese proseguire per S. Stefano di Sessanio e poi Calascio.

Seguiteci sui nostri social

Youtube ➡️ https://goo.gl/DCpPtL
Facebook ➡️ https://goo.gl/hjpEZc
Twitter ➡️ https://goo.gl/JDK1nZ
Google+ ➡️ https://goo.gl/ZzfS75
Instagram ➡️ https://goo.gl/6EWgv2
Pinterest ➡️ https://goo.gl/W8WrdV
Tumblr ➡️ https://goo.gl/oTFShg

 

Condividi:
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
https://famigliainfuga.com/rocca-calascio-dove-tocchi-le-stelle-con-un-dito/
Twitter
PINTEREST
LINKEDIN
INSTAGRAM

Enjoy this blog? Please spread the word :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: