Sardegna a misura di bambino: come arrivare e 3 attività imperdibili per tutta la famiglia

Sardegna a misura di bambino 2

Nell’immaginario collettivo la Sardegna è uno dei luoghi più gettonati per una vacanza onerosa ed è da sempre vista come una destinazione poco adatta alle famiglie. Ma è davvero così? 

In realtà, per quanto sia vero che si tratti di una meta molto ambita da personaggi famosi, nasconde tantissime attività che si possono svolgere senza un eccessivo impegno e, soprattutto in compagnia dei propri bambini. 

Naturalmente, se si pensa di visitarla nei mesi più caldi e con maggior affluenza come luglio e agosto servirà un’organizzazione molto precisa. 

Questo implica una maggior attenzione ai servizi, nonché un grande tempismo di prenotazione per riuscire a godersi una vacanza sull’isola a misura di tutti i componenti del viaggio. Il consiglio, infatti, è quello di pianificare tutto per tempo. 

Innanzitutto è fondamentale la scelta del mezzo di trasporto e, per una famiglia, sembra che la nave sia quella migliore: non solo sarà un’esperienza divertente per i bambini, che potranno ammirare i pesci, la natura e il paesaggio, ma grazie anche alla possibilità di imbarcare la propria auto si potrà avere la garanzia di essere autonomi per tutta la vacanza. 

E qual è il momento migliore per dare un’occhiata alle prenotazioni? Tutto varia in base alle esigenze soggettive, certo, ma è chiaro che chi confronta le offerte dei traghetti durante l’inverno, in vista dell’estate, ha più possibilità di ottenere vantaggi sia in termini di comfort che economici, rispetto a chi decide di acquistare last minute. 

La logistica, dunque, è decisa. Non resta che capire quali tesori nasconde la Sardegna per far divertire e intrattenere i propri figli. 

3 attività imperdibili in Sardegna con i bambini 

L’isola sarda è una delle più eterogenee che ci siano ed è in grado di regalare emozioni a tutte le età. Siamo sicuri, fra l’altro, che queste attività non delizieranno soltanto i più piccoli, ma rimarrà anche nei cuori degli adulti. 

La Sardegna in miniatura 

Situato nelle vicinanze di Barumini, questo luogo affascinante offre un’ampia gamma di divertenti e istruttive attrazioni, catturando l’essenza unica dell’isola in un’esperienza coinvolgente.

Le Miniature costituiscono uno degli aspetti più affascinanti del parco, offrendo una rappresentazione dettagliata e accurata dei luoghi più caratteristici della regione 

Attraverso le costruzioni, grandi e piccini possono immergersi nella ricca storia e cultura dell’isola divertendosi a esplorare e scoprire ogni dettaglio in scala ridotta. Tutto immerso in un sentiero botanico ben curato che aggiunge un tocco naturale, consentendo alle famiglie di apprezzare la varietà di flora. 

Un’ulteriore sorpresa attesa è il Parco dei dinosauri, che permette di fare un salto indietro nel tempo, incontrando giganti preistorici rappresentati in scala naturale. I bambini saranno entusiasti di camminare tra le imponenti figure, aprendo la porta a un’esperienza educativa e divertente.

Il trenino verde

Non si tratta di un classico percorso ferroviario, ma un’avventura che offre la possibilità di scoprire la vera essenza della Sardegna in poche ore. Portare i piccini a bordo del treno verde non solo li farà divertire, ma contribuirà anche a una formazione implicita della cultura e della natura dell’isola.

Immersi a bordo del vagone, avrete l’opportunità di lasciarvi avvolgere dai profumi distintivi della terra, dall’aroma inconfondibile della macchia mediterranea e dai sentori salmastri del mare che sfiora la costa.

L’entusiasmante tracciato su 5 differenti itinerari offre un’occasione unica per vivere le emozioni della scoperta, con soste in luoghi ricchi di storia, tradizione e buon cibo. I bambini, inoltre, avranno l’opportunità di apprendere attraverso il gioco, arricchendo la loro conoscenza della Sardegna in modo coinvolgente e divertente.

L’acquario di Cala Gonone 

Un autentico gioiello dell’architettura moderna per gli amanti della fauna marina che rappresenta anche un luogo straordinario in cui portare i propri figli. 

La struttura, frutto di un progetto firmato da Peter Chermayeff e Sebastiano Gaias, si trova sul Golfo di Orosei ed è un panorama mozzafiato ai visitatori di tutte le età. La sua bellezza, poi, va oltre l’aspetto estetico, si tratta di un autentico paradiso per gli animali che ospita, oltre che per i quasi 60 mila visitatori annui, tra cui numerosi bambini.

Inoltre è uno dei pochi in italia ad essere completamente green: uno dei pochi giardini zoologici innovativi, orientati alla sostenibilità ambientale. Utilizzando materiali riciclati e adottando sistemi a basso consumo energetico, l’acquario dimostra un impegno tangibile per la tutela dell’ambiente. 

E per aumentare di valore, la presenza di due ospiti speciali: Ugo, una tartaruga Caretta rimasta cieca a causa di uno spiaggiamento dovuto all’ingestione di rifiuti, e Rosa Fumetta, una volpe sopravvissuta a un incendio boschivo nell’area dell’oristanese. 

Questi animali in difficoltà testimoniano la fragilità degli ecosistemi e la necessità di impegnarsi nella salvaguardia della fauna e della flora, sensibilizzando grandi e piccini. 

In conclusione, come abbiamo visto, non è necessario recarsi nei posti più prestigiosi della Sardegna per trascorrere una vacanza indimenticabile. E queste sono solo tre delle moltissime attività che si possono fare in assieme a tutta la famiglia.