isola giannutri

Visitare Giannutri e l’Isola del Giglio: consigli

> Italia > Toscana > Visitare Giannutri e l’Isola del Giglio: consigli

Last Updated on 3 mesi by Michele Valente

Visitare Giannutri e l’Isola del Giglio

Hai presente quando il lavoro ti ha letteralmente sfiancato per tutta la settima e poi arrivi al venerdì e decidi che il weekend lo passerai sul divano?

Ecco, questo sarebbe stato il nostro programma rilassante per il sabato e la domenica.

Sabato però, dopo cena, guardando un film sulla Pay Tv, scorrono delle immagini dell’Isola del Giglio, subito io e Chiara ci guardiamo e decidiamo che la domenica avremmo navigato in direzione di quell’isola.

Prendo immediatamente il Mac e cerco gli orari dei traghetti per visitare Giannutri, mentre Chiara prepara gli zaini e tutto l’occorrente per passare una giornata intera al mare.

Scorrendo le pagine su internet mi imbatto nel sito di una compagnia di navigazione che organizza gite giornaliere nel periodo estivo, con partenze da Castiglione della Pescaia e Talamone.

Vedo che per il giorno dopo, era prevista una gita con partenza da Castiglione della Pescaia alle 08.30, scalo al porto di Talamone per far salire altre persone e poi navigazione verso lì’Isola del Giglio e Giannutri.

Abbiamo chiamato subito al numero di cellulare indicato sul sito, in quanto la prenotazione online non poteva essere effettuata dopo le 18.00. Alla richiesta di poter prenotare ci rispondono che bastava presentarsi verso le 08.15 sul molo di Castiglione della Pescaia per l’imbarco.

La mattina, dopo aver fatto scorta di pizza rossa e schiaccia per quei due “lupi” dei nostri figli Alessia e Gabriele, ci imbarchiamo e paghiamo il biglietto a bordo.

 

Si ma quanto costa visitare Giannutri?

Veniamo ai costi: Io, Chiara ed Alessia (12 anni) abbiamo pagato 28€ di biglietto, mentre Gabriele (6 anni) solo 9,90€, da aggiungere vi erano anche 1,50€ a persona di tassa di sbarco al porto dell’Isola del Giglio e per chi fosse arrivato fino a Giannutri ulteriori 4€ di tassa di sbarco. Il conto totale per noi quattro è stato di 116€ solo per la gita.

Per chi avesse voluto pranzare a bordo, il cuoco proponeva un primo di pesce fresco a soli 5€ ed un orata al forno come secondo a 10€. Abbiamo optato per quattro primi di pesce, quindi totale altri 20€.

Inoltre al piccolo bar di bordo era possibile acquistare acqua in bottiglia da 1,5lt a 2€, vino bianco in bottiglia a 10€, vino bianco al bicchiere (di plastica)  2€,  oppure birra in lattina a 3€. Il caffè no perché la macchina era rotta 🙁 .

La motonave “Ulisse” è un imbarcazione per il trasporto veloce impiegata per raggiungere le isole dell’arcipelago toscano, vi sono due ponti, quello superiore completamente scoperto, e quello inferiore coperto, ma dotato di enormi finestre apribili.

In quello inferiore troviamo anche il piccolo angolo bar, due bagni ed a prua una piccola vasca idromassaggio (non in funzione durante la nostra gita). In entrambi i ponti possiamo ci sono tavoli e sedie in legno.

Le condizioni meteo non erano delle migliori, ma eravamo fiduciosi di trascorrere una bella giornata anche con cielo coperto. Alle 08.30 partenza direzione Talamone dove saremmo arrivati alle 09.40 e fatto salire a bordo altri passeggeri.

Il nostro consiglio è quello di partire da Castiglione della Pescaia in modo da prendere i posti che migliori per il viaggio. Sia per comodità o per fotografare da posizione migliore, evitando di immortalare  “le teste” dei passeggeri 🙂 .

Durante l’ora di navigazione, tanto ci vuole per raggiungere il porto di Telamone, ci siamo tenuti ad una distanza di alcune miglia fino a dopo aver passato le acque antistanti la foce del fiume Ombrone, nel Parco regionale della Maremma, in quanto i fondali sono molto bassi e melmosi ed il passaggio troppo vicino alla costa è rischioso per le imbarcazioni.

Dopo ci siamo avvicinati alla costa frastagliata fino all’arrivo al porto di  Talamone.

 

 

Sosta a Talamone

Dopo una breve sosta di servizio ed aver fatto salire a bordo diverse persone, alle 10.00 la navigazione è ripresa con direzione Isola del Giglio. Dopo circa un’ora, finalmente, arriviamo a Giglio porto ed iniziamo le operazioni di attracco e di sbarco.

Anche se è una piccola isola, i posti belli da vedere al Giglio sono molti, ma purtroppo avevamo a nostra disposizione solo due ore, dopodiché saremmo risaliti sull’Ulisse per mangiare e partire in direzione Giannutri.

Abbiamo deciso di farci accompagnare da un taxi, la fermata si trova a  poche centinaia di metri dal punto di attracco, e ci siamo fatti accompagnare ad una della spiagge più belle e conosciute dell’isola.

giannutri cosa vedere partendo da Talamone

 

Abbiamo scelto di visitare la spiaggia delle Cannelle

giannutri come arrivare da Talamone

 

La spiaggia delle Cannelle si trova a soli 5 minuti di taxi dal porto ed è raggiungibile “anche” a piedi, ma il nostro consiglio è quello di farsi accompagnare da un taxi, anche se la tariffa è di 4€ a persona A/R, con poco tempo a disposizione prima si arriva e più ci godiamo il mare. Inoltre puoi prenotare la corsa di rientro concordando l’orario con l’autista.

Arrivati alla spiaggia, naturalmente invasa dai turisti, abbiamo trovato un angolino libero sopra gli scogli dove riporre i nostri zaini, tanto saremmo rimasti poco più di un ora, giusto il tempo di fare un bagno ed un pò di snorkeling e provare la maschera Easybreath di Decathlon appena acquistata.

Alle 13.00 dopo un bel bagno nelle bellissime acque della spiaggia delle Cannelle, siamo ritornati a bordo per pranzare e per ripartire verso l’isola di Giannutri. Prima però ci è stato servito un primo piatto a base di pesce.

 

Finalmente salpiamo per Giannutri

Alle 13.45 la motonave è salpata direzione isola di Giannutri, dove saremmo rimasti il tempo per un tuffo nelle bellissime acque cristalline.

Purtroppo visto il tempo di permanenza, meno di un’ora e mezza, non potevamo vedere tutte le meraviglie, compresa la villa romana (comunque chiusa e recintata ed accessibile solo con guida).

Visitare Giannutri

 

Consigliamo di viaggiare leggeri e di portare anche le scarpe da scoglio, vista la conformazione delle spiagge, sassolini e scogli. Inoltre non dimenticatevi un caricabatterie portatile, il nostro OUTXE IP67 è stato all’altezza dell’escursione, ricaricando sia i nostri iPhone 7 che la GOPRO, permettendoci di immortalare ogni attimo della giornata.

Siamo ripartiti puntualissimi alle 16.00 direzione isola del Giglio, per tornare a prendere le persone che avevano deciso di rimanere li.

Dopo una breve sosta, alle 17.00 siamo ripartiti alla volta di Talamone  e poi verso Castiglione della Pescaia. Arrivati all’imboccatura del porto di sbarco, la guardia costiera ci ha bloccato, in quanto era in corso il tradizionale palio marinaro, per più di un’ora abbiamo atteso che le barche in competizione abbandonassero la zona. Finalmente alle 20.20 siamo sbarcati.

Secondo il nostro punto di vista, abbiamo passato una bella domenica, visitando posti nuovi come Giannutri, forse è troppa la navigazione, a volte anche un pò noiosa rapportata al tempo trascorso sulle isole.

Se la vostra domanda è: Come visitare Giannutri e l’Isola del Giglio nella stessa giornata? Allora fatevi un escursione con la motonave Ulisse, qui sul sito della compagnia troverete maggiori informazioni, se avete domande da farci contattateci senza problemi, anche tramite i social.

Rispondi a Michele Valente Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 comments