Visitare la Maremma - Saturnia Cascate del Mulino

Saturnia è un borgo della provincia toscana di Grosseto, la cui fama è grandemente legata alle terme presenti sul suo territorio: eppure il borgo, che sorge al limitare dell’antica Via Claudia costruita nel 200 a.C. sulla quale con un pò di attenzione è possibile scorgere i solchi lasciati dai carri secoli fa, è tutto da scoprire, in ogni luogo e monumento che trasudano una storia antichissima.

Leggi anche: Saturnia una piccola frazione famosa per le sorgenti termali

In base alla testimonianza di uno storico del 60 a.C., le origini di Saturnia affondano le radici all’epoca pre-classica e solo successivamente giunsero gli etruschi prima e i romani poi, nel 280 a.C., con i quali divenne municipium. Fu la presenza delle benefiche sorgenti a rendere Saturnia un importante centro che entrò presto nelle mire di potenti città toscane e di famiglie quali i Medici che la conquistarono nel 1555. Divenuta nel ‘700 parte del Granducato di Toscana, subì un graduale declino fino all’iniziativa di Bernardino Ciacci di Pitagliano che nel 1865 contribuì alla sua rinascita.

Il gioiello di Saturnia sono certamente le sue sorgenti termali talmente benefiche che gli etruschi le definivano “miracolose”: si tratta di acque minerali sulfuree che sgorgano ad una temperatura di circa 38°C e che aiutano a curare patologie legate alla pelle, all’appparato respiratorio e a quello muscolo-scheletrico. E’ possibile beneficiarne non solo nello stabilimento termale ma anche, gratuitamente, presso le suggestive Cascate del Mulino: l’acqua ha origine da un cratere vulcanico e, defluendo nel torrente Gorello, sfocia in cascatelle che nei secoli hanno scavato piscine naturali nel travertino, dove è possibile immergersi liberamente sotto il cielo stellato. Non stupisce che tanta bellezza abbia ispirato racconti leggendari secondo cui è da un fulmine scagliato da Giove contro Saturno a creare le sorgenti, considerate poi le porte dell’inferno per l’odore di zolfo.

Saturnia è anche molto altro. E’ un borgo fortificato da una cinta muraria di origine romana dalla famiglia degli Aldobrandeschi nel 1200: in passato vi erano quattro porte di accesso, delle quali vi è rimasta solo porta romana risalente al II a.C., testimonianza della storia antica di Saturnia. Alla stessa nobile famiglia si deve anche la costruzione della rocca che domina il borgo con le sue torri circolari e il cui aspetto rinascimentale è legato all’intervento dei senesi nel XV secolo.
La Chiesa di S.Maria Maddalena è l’edificio di culto principale di Saturnia, il cui nucleo principale risale al 1188: all’interno si può ammirare una pregevole Madonna col Bambino fra S.M.Maddalena e S.Sebastiano.
Nel 2003 è stato inaugurato il “Museo Archeologico”, parte del complesso museale maremmano: all’interno è possibile ammirare la collezione della famiglia Ciacci composta da una serie di reperti rinvenuti nei siti archeologici circostanti quali necropoli etrusche, ville romane e fortezze medioevali. A due passi da Saturnia sorge infatti, nella fitta vegetazione costituita da sicomori e querce, la “Necropoli del Puntone”: si contano circa venti tombe etrusche a tumulo risalenti al periodo che va dal VII al V a.C., caratterizzate da un dromos, cioè un corridoio senza soffitto, che porta alla camera sepolcrale in travertino.

Se hai bisogno di maggiori informazioni su questa località contatta i travel blogger di Famigliainfuga.com

Dove dormire a Saturnia

Booking.com

Canale Youtube di SharingHappiness

Dove si trova Saturnia

Come arrivare a Saturnia

Aree sosta – Campeggi

Per gli amici amanti del plain air segnaliamo grazie all’applicazione Caramaps, le aree di sosta ed i campeggi nei dintorni di Saturnia.

Visitare la Maremma - Saturnia - aree sosta

Dove dormire a Saturnia

Booking.com

Altre località della Maremma

  • Massa Marittima
  • Monte Amiata
  • Orbetello
  • Pitigliano
  • Porto Ercole
  • Porto Santo Stefano
  • Punta Ala
  • Saturnia
  • Scansano
  • Scarlino
  • Sorano
  • Sovana
  • Talamone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: