Una delle località più belle del Gargano e di tutta la Puglia è sicuramente Peschici in provincia di Foggia nota soprattutto per la bellezza delle sue spiagge, il paese si è aggiudicato più volte il titolo di Bandiera Blu dalla Foundation for Environmental Education.

Il nome del paese probabilmente è di origine slava, la radice slava “pès” (o pèsc) si riferisce alla sabbia, dove i toponimi slavo pjèskusa e russo pèski che indicano appunto “suolo sabbioso” e “cist” che indicherebbe invece la purezza.

L’ estate è il periodo idoneo per visitarlo, troverete uno scenario da favola: incanto del tramonto sulle distese di mare cristallino, sole che sorge dalle acque, in caso di cielo terso potrete scorgere alcune isole croate.

 

Le spiagge di Peschici

 

Tra le spiagge più celebri troviamo: Jalillo, sotto il nome di “del Mappamondo”, Marina di Peschici dotata di sabbia finissima, Cala e alla Baia di Procinisco , spiaggia di Zaiana circondata da costoni rocciosi e con fondali degradanti, oltre alla Cala e alla spiaggia di San Nicola.

Il mare del Gargano costituisce una garanzia per chi cerca lidi sabbiosi e acque azzurre, in alcuni tratti della costa troviamo stabilimenti balneari, in altri tratti possiamo trovare anfratti selvaggi per chi è alla ricerca di pace e tranquillità. Pertanto tutta l’area di Peschici è un misto di spiagge libere e spiagge attrezzate.

 

Cosa vedere a Peschici

Oltre ad avere alcune tra le più belle spiagge della Puglia, Peschici rappresenta un’attrazione di per sé, infatti parte del paese  svetta sulla cima del costone roccioso.

Intraprendere strade e viuzze tra le casette di intonaco bianco ricorda la provenienza dell’architettura della costa pugliese, molto prossima agli influssi dei paesi più a est. Le culture che arrivavano via mare in passato, hanno lasciato il loro segno nella storia di Peschici e di tutti i paesi che sorgono sulla costa, un esempio sono i resti di antiche torri di avvistamento risalenti al Cinquecento erette come sistema difensivo per prevenire l’attacco di pirati.  Il sistema si rivelò fallimentare, in quanto non fu sufficiente per resistere alle incursioni dei corsari turchi.

Il castello di Peschici è  spettacolare , sorge proprio sulla punta dello sperone roccioso su cui si trova il paese, a strapiombo sul mare. Venne edificato tra il X e XI secolo dai normanni, serviva per la difesa dalle incursioni dei pirati saraceni. Oggi è visitabile, ma dell’antica struttura originaria rimangono solo le antiche prigioni utilizzate anche come deposito di armi e cibo della fortezza, a differenza dello stato attuale dove vi sono opere d’arte di artisti internazionali.

Un motivo in più per recarsi al castello è il bellissimo paesaggio di cui si può godere dalla sua terrazza: in lontananza si scorgono le isole Tremiti.

L’abbazia di Kàlena è un monumento antico e storico a Peschici. E’ possibile ammirare ancora i resti di un convento benedettino nella piana di Calena, in un meraviglioso panorama agreste. Il cenobio risalirebbe infatti all’anno 872, si trattava di un centro ricco e indipendente, capace di competere per fama anche con la vicina abbazia di Montecassino.

Il monastero durante i secoli si è circondato di leggende, tra cui quella che narra di un tunnel che porta fino alla spiaggia di Jalillo, utilizzato dai monaci benedettini per scappare dai saraceni. Un’altra allude ad un tesoro sepolto, appartenuto al pirata Barbarossa o all’ammiraglio turco Khair ed-Din.

Di sera Peschici si trasforma da piccolo paese a punto di riferimento per il divertimento notturno nel Gargano insieme alla più famosa Vieste.

Le discoteche più famose sono La Brocca e l’Armoni. Molti lidi balneari si trasformano in  locali notturni dove è possibile trascorrere belle ed allegre serate sulla spiaggia.