Quando sei in viaggio, scattare foto è quasi un obbligo se vuoi immortalare e condividere momenti piacevoli o semplicemente ritrarre dei paesaggi incantevoli. Il problema, in molti casi, sta nel riuscire a eseguire il backup delle immagini, per evitare le conseguenze spiacevoli di possibili imprevisti. Sono essenzialmente tre le soluzioni su cui puoi fare affidamento a questo scopo: il backup automatico effettuato tramite lo smartphone, un servizio di cloud storage o la memory card.

 

I vantaggi delle memory card

Comprare qualche memory card è con tutta probabilità il modo più semplice, e anche più vantaggioso dal punto di vista economico, per provvedere ai backup delle foto. Certo, la comodità non è massima, ma in compenso si ha la certezza di non vedere svanire nel nulla le immagini che vengono immortalate. Ci sono delle schede SD che offrono l’opportunità di spostare le foto in un tablet o in uno smartphone attraverso una connessione senza fili: il device, in tale circostanza, viene adoperato come un hard disk portatile. In alternativa, c’è bisogno di accessori ad hoc che devono essere connessi alla fotocamera e che, ogni volta che viene scattata una foto, riproducono l’immagine in una memory card. In questo secondo caso la spesa è un po’ più elevata, ma sempre entro limiti accettabili.

 

I benefici di un hard disk portatile

Un’altra opzione che si può prendere in considerazione prevede l’utilizzo di un hard disk portatile: su Yeppon se ne possono trovare in offerta ad un ottimo prezzo. Se si punta su questa soluzione, le immagini devono essere scaricate su un computer e da qui spostate su un hard disk portatile, il cui costo si aggira attorno ai 50 euro (ipotizzando di usufruire di una capienza di 1 tera), tenendo conto anche del case in cui l’hd dovrà essere alloggiato. Lo stesso smartphone, per la verità, può essere trasformato in una sorta di hard disk portatile, tramite dei cavi specifici con i quali la memory card può essere collegata con il telefono. Le immagini vengono trasferite nel giro di breve tempo, e così si ha a disposizione una copia di tutte le foto.

 

Quando è consigliabile il cloud storage

Come si è detto, anche lo storage su cloud può essere sfruttato nel caso in cui si vogliano salvare ddelle foto. Puoi trovare davvero tanti servizi di questo tipo, ormai: tutto ciò che devi fare è capire qual è la proposta più vantaggiosa, e cioè meno dispendiosa, anche in base alle tue esigenze. Ovviamente ti serve una connessione alla Rete per riuscire a spostare le immagini sul tuo account. Google Drive e Dropbox sono alcuni degli esempi più famosi: tieni presente, per altro, che tra i diversi servizi non ci sono poi così tante differenze.

 

Usare lo smartphone

Anche senza lo zaino della macchina fotografica puoi fare in modo che la tua vacanza riproduca tantissimi ricordi: ogni smartphone, ormai, viene utilizzato a questo scopo, e tutti i modelli più recenti sono dotati di fotocamere posteriori di qualità elevata. Con il cellulare puoi usare iCloud, che è il servizio di sincronizzazione disponibile sugli iPhone, o Google Foto, che invece è il backup utilizzabile da chi ha uno smartphone con sistema operativo Android.

 

Come eseguire il backup

Ogni volta che procedi al backup delle tue foto, spendi qualche secondo per catalogare le varie immagini, in modo tale che sia più facile per te ritrovarle quando vorrai rivederle. Ogni scatto dovrebbe riportare l’indicazione del luogo e della data in cui è stato realizzato. Può essere utile anche taggare le immagini, sempre facendo riferimento ai luoghi. Infine, cerca di essere costante: se ti trovi in viaggio, il backup dovrebbe essere effettuato almeno una volta al giorno, per prevenire inconvenienti che rischierebbero di metterti di cattivo umore e di compromettere la vacanza.