Giugno 3, 2019

Viaggio in treno con cane: alcuni consigli utili

Il viaggio in treno con cane è una esperienza che ogni proprietario di un amico a quattro zampe si trova a vivere prima o poi.
L'esperienza potrebbe sembrare di difficile gestione, tuttavia, seguendo alcuni consigli sarà possibile rendere il viaggio più piacevole non solo per sé e anche per il proprio cane. Ecco un'idea di viaggio per coloro che vogliono portare il loro cane in treno.

 

I cani possono viaggiare in treno?

La legge non regola in modo specifico la presenza di animali domestici su mezzi pubblici. Questo significa che sono le singole compagnie a stabilire i regolamenti specifici in materia. In Italia le due aziende di trasporto ferroviario (Italo e Trenitalia) prevedono in generale che i cani possano viaggiare senza problemi purché abbiano regolare libretto sanitario e certificato di iscrizione all'anagrafe canina.

In alcuni casi sono richieste particolari modi di trasporto degli animali. I cani di piccola taglia (con un peso fino a 10 Kg) devono viaggiare in appositi trasportini chiusi. Quanto al costo del biglietto per l'animale sarà opportuno informarsi prima di prendere il treno per non incorrere in problemi una volta a bordo.

 

A cosa pensare quando viaggi in treno con il cane

Sicuramente un viaggio rappresenta sempre un'avventura, soprattutto quando si va in vacanza o a fare una gita o trascorrere una giornata di svago. Quando però si porta un cane con sé le cose cambiano e ci sono più responsabilità. Molti erroneamente credono che i problemi e le uniche cose alle quali pensare siano i documenti e le regole di trasporto. A ben vedere, tuttavia, non sempre è così semplici e durante il viaggio in treno ci sono altre difficoltà a cui si deve far fronte.

 

Le 4 sfide di un viaggio in treno con cane e i consigli per affrontarle meglio

 

Viaggiare in treno con il cane

 

La prima sfida quando si fa un viaggio in treno con un amico a quattro zampe è gestire i bisogni fisiologici. Il consiglio solitamente è quello di avere cura che l'animale mangi circa 12 ore prima di iniziare il viaggio. In questo modo non dovrebbe avere la necessità di andare in bagno. Poi per precauzione prima di salire sul treno è sempre buona norma far fare una passeggiatina per svuotare la vescica.

Ma che fare nei casi in cui questo programma non funziona? Magari il cane ha fame poco prima di partire e si è costretti a dargli qualcosa. In queste situazioni i suggerimenti sono diversi a seconda della taglia del cane. Quando il cane è di piccola taglia tutto sta nel capire i momenti in cui l’animale ha questa necessità, mantenerlo il più calmo possibile e attendere la prossima fermata per far fare il bisogno e ripulire tutto con il kit di pulizia per cani.

Quando, invece, il cane è di grossa taglia il problema diventa un po' più difficile da gestire. In questi casi, si consiglia di cercare di farlo stare calmo e scendere dal treno nel più breve tempo possibili in modo che possa riuscire a completare tutti i suoi bisogni.

La seconda sfida di un viaggio in treno con cane è sicuramente l’affollamento. I cani non amano particolarmente sostare in luoghi affollati e pieni di gente. Tendono a innervosirsi, abbaiano e iniziano a manifestare la propria voglia di scendere dal treno tirando il guinzaglio e facendo resistenza al padrone.
Senza dubbio in questi casi non è facile far ritrovare la calma all'animale ma, tuttavia, un ottimo suggerimento è portarsi con sé acqua a sufficienza e cibo. Far bere un po’ d’acqua o dare delle crocchette aiuta sicuramente a calmarsi.

Va da sé che il cane, soprattutto quello di taglia medio-grande, deve essere anche munito di guinzaglio e museruola. Un altro utile consiglio è far sistemare il cane tra i propri piedi, una posizione che molti cani amano per sonnecchiare o semplicemente stare tranquilli. Se il cane è di piccola taglia e rimane dentro il trasportino si consiglia di metterlo in grembo e tenerlo il più vicino possibile. Si deve anche evitare di farlo sostare nel corridoio dove circolano più persone.

 

Con il cane in treno

 

La terza sfida riguarda il bisogno del cane di muoversi e sgranchirsi le zampe. Il movimento per i cani è molto importante. Se possibile, allora, nei viaggi di lunga durata sarebbe ideale far fare qualche passo al proprio cane ogni 2 ore circa.

La quarta sfida è quella della paura. Molti cani, specialmente quelli che hanno viaggiato raramente in treno, una volta arrivati in questo ambiente sono presi dalla paura. Il consiglio migliore in questo caso è quello di parlargli normalmente e cercare di non fare mai un tono fin troppo rassicurante perché altrimenti penserebbero che qualcosa non va. Il segreto in questi casi è far sentire l'animale al sicuro lasciando che si abitui piano piano all'ambiente in cui si trova.

 

I 6 must per un viaggio in treno con l'amico a quattro zampe

Ci sono alcuni oggetti e accessori che sono autentici must per fare un viaggio con il proprio cane in treno.

Il primo è sicuramente il kit con le spazzole, le palette e i deodoranti che sono d'aiuto nel caso in cui il cane sporchi oppure perda dei peli. Portando con sé il kit di pulizia si avrà la certezza di rendere il viaggio piacevole per sé stessi e il cane ma anche per gli altri passeggeri.

Il secondo must è il sacchettino per la raccolta degli escrementi. Sarebbe preferibile che il cane non si trova a dover fare i suoi bisogni ma se è proprio inevitabile è comunque meglio essere pronti.

Il terzo must sono l'acqua, gli snack e i giocattoli. Meglio portare sempre una bottiglietta d'acqua perché sui treni l'acqua non è potabile. Anche i croccantini e uno dei giochi preferiti dell'animale non devono mai mancare perché aiutano a mantenerlo calmo e tranquillo durante il viaggio.

 

Viaggiare con il cane

 

Il quarto must è portare un trasportino comodo e foderato (per i cani piccoli) e anche un guinzaglio corto e una museruola.

Il quinto must è installare l'app ViaggiaTreno sullo smartphone. Quando si viaggia con un animale domestico fare lunghe attese o spostamenti non è ideale ma, con scaricando quest'app di Trenitalia, sarà possibile vedere in tempo reale i percorsi migliori e più comodi per giungere a destinazione senza problemi.

Il sesto must è far fare una visita veterinaria di controllo prima di partire. Questo, in particolare, viene consigliato se il viaggio è particolarmente lungo o se il proprio cane ha problemi di salute pregressi oppure, ancora, se è il primo viaggio in treno è il padrone vuole stare più tranquillo. Il veterinario, infatti, può fornire ottimi consigli e aiutare a rendere il viaggio un momento di svago e relax sia per il cane che per il suo padrone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/famigliavalente/public_html/wp-includes/class-wp-list-util.php on line 164

Contatti

Per collaborazioni e richieste via email
info@famigliainfuga.com
+39 392 29 10 674
Logo del blog di viaggio famigliainfuga 300x100

Seguimi

Copyright by Michele Valente
2017 - 2021
envelope linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram