7 cose da vedere assolutamente a Copenaghen - porto

7 cose da vedere assolutamente a Copenaghen

Copenaghen cosa vedere

Se volete saltare le mete esotiche e siete alla ricerca di un luogo affascinante, naturalistico, pieno di bellezze culturali, dove passare le vacanze primaverili o estive (perché questo è il miglior periodo per visitarla, oltre a quello natalizio), preparate qualche maglioncino da mettere in valigia, prenotate un biglietto aereo e volate verso l’Europa del Nord, alla scoperta della bellissima Copenaghen.
La capitale della Danimarca è una delle capitali europee da visitare assolutamente una volta nella vita, col suo varipinto paesaggio contornato dalle acque del mare del Nord, poggia sulle isole Sjælland e di Amager ed è separata dalla Svezia dallo stretto di Øresund. Città piccola e cosmopolita, ricca di manifestazioni ed eventi soprattutto d’estate, è un posto tutto da scoprire e comodamente fruibile in bicicletta (il noleggio costa 100 corone/14 euro circa per un giorno e 350 corone/47 euro circa per una settimana). Ecco dunque le sette attrazioni che non potete assolutamente perdere una volta sbarcati nella città della Sirenetta (potrete anche ammirarne la statua) e che vi faranno restare senza fiato.

1) Palazzo di Christiansborg

Il maestoso palazzo è situato sull’isola di Slotsholmen (che significa appunto Isola del castello), nel centro storico della capitale danese. La struttura, oggi, ospita il parlamento, gli uffici del primo ministro e la suprema corte di Danimarca. E’ l’unico caso al mondo in cui, all’interno di un unico palazzo, si trovano, in contemporanea, i tre organismi statali: legislativo, esecutivo e giudiziario. Alcune stanze dell’edificio sono utilizzate tuttora dalla famiglia reale. Da non perdere la torre panoramica, l’immensa biblioteca della regina, le sale di ricevimento, le rovine sotterranee e il cambio della guardia.
Come arrivare: tramite bus, battello o metropolitana.
Orari di apertura: tutti i giorni 10-17 (da ottobre ad aprile chiuso il lunedì; da maggio a settembre 9-17).
Prezzo del biglietto: adulti 150 corone (circa 20 euro), gratis per gli under 18.

2) Castello di Kronborg

Si trova a Helsingør, una quarantina di chilometri a nord di Copenaghen, ma vale assolutamente la pena spendere una giornata per ammirarlo. E’ un castello rinascimentale, tra i più importanti del Nord Europa, tant’é che l’Unesco l’ha aggiunto al suo patrimonio a partire dal 2000. Ma il castello è diventato famoso perché William Shakespeare lo scelse come teatro per ambientare l’Amleto. E infatti il cortile interno ospita tutte le estati un appassionante e coinvolgente festival shakespeariano.
Come arrivare: col treno dalla stazione di Copenhagen a Helsingør.
Orari di apertura: da gennaio a marzo (dal martedì alla domenica 11-16); aprile e maggio (tutti i giorni 11-16); da giugno a settembre (tutti i giorni 10-17.30); ottobre (tutti i giorni 11-16); novembre e dicembre (dal martedì alla domenica 11-16).
Prezzo del biglietto: da novembre a maggio adulti 90 corone (circa 12 euro), gratis gli under 18; da giugno ad agosto adulti 140 corone (19 euro circa), gratis per gli under 18.

3) Christiania

Impossibile non recarsi con un certo spirito di curiosità nella Città Libera di Christiania, situata nel distretto di Christianshavn. Si tratta di un quartiere autogovernato di Copenaghen, riconosciuto come suolo autogestito dal governo danese, dopo essersi autoproclamato indipendente nel 1971. I principi su cui si basa sono l’autodeterminazione, l’anarchismo e la proprietà collettiva. Questa comunità è un esperimento sociale unico al mondo; qui infatti non si pagano le tasse, vige il divieto di circolazione delle auto, non ci sono forze di polizia e non esistono le scuole. I residenti sono circa 900 e c’è una lista infinita di richieste per venire ad abitare, anche solo per un breve periodo, in questa piccola cittadina. Più di una cinquantina di collettivi si occupa di diverse attività artigianali, culturali e teatrali. Christiania possiede un asilo, una panetteria, una sauna, una fabbrica di biciclette, una tipografia, una radio libera, degli atelier di restauro, un cinema, diversi bar, ristoranti e luoghi di spettacolo.
Come arrivare: dal centro di Copenaghen con la bici, il bus o la metropolitana fino alla fermata di Christianshavn.

4) Giardini di Tivoli

E’ un enorme parco divertimenti tra i più importanti d’Europa, inaugurato il 15 agosto 1843, ed è il secondo più antico del mondo. Il parco giochi è stato costruito nel centro storico di Copenaghen e, nonostante questo, attrae al suo interno vasti boschi e animali selvatici. Questa immensa oasi verde, che stupisce i turisti giunti nel cuore della capitale, è caratterizzata da giostre, giardini, ristoranti, due alberghi e spettacoli all’aperto durante il periodo estivo. Particolarmente note sono le montagne russe in legno (tra le più datate al mondo), la ruota panoramica e il teatro di vetro. La struttura, all’inizio, era chiamata “Tivoli&Vauxhall”. Tivoli richiamava gli omonimi giardini di Parigi, mentre Vauxhall i giardini londinesi.
Come arrivare: si raggiunge col bus, a piedi o in bici, perché dista pochi metri dal municipio, vicino alla stazione dei treni.
Orari di apertura: dal 2 al 25 febbraio; dal 24 marzo al 23 settembre; dal 12 ottobre al 4 novembre; dal 16 novembre al 31 dicembre. Da domenica a giovedì (11-23); venerdì e sabato (11-24).
Prezzo del biglietto: adulti 97 corone (circa 13 euro), gli under 8 gratis. Le giostre: ticket multiplo adulti 199 corone, circa 27 euro; singolo adulti 25 corone, circa 3 euro.

5) Chiesa del Nostro Salvatore

E’ un imponente edificio religioso in stile barocco che è stato eretto, come la Città Libera di Christiania, nella celebre zona di Christianshavn. La peculiarità di questa chiesa è la particolare forma della torre-campanile che si staglia inarrestabile verso l’alto, per far godere ai turisti un fantastico panorama. La guglia (del 1752) è stata progettata al suo esterno con una scala a spirale di 400 gradini che porta a 90 metri di altezza. Un’altra particolarità legata alla chiesa è il carillon del campanile, divenuto famoso per essere il più grande dell’Europa settentrionale. Gira anche una leggenda secondo la quale l’architetto della torre si sarebbe gettato dalla cima della guglia, una volta fatta la scoperta che la scala a spirale girava in senso orario anziché anti-orario. Questa leggenda, però, è stata seccamente smentita dagli storici.
Come arrivare: dal centro si può raggiungere Christianshavn con la bici, a piedi (ci vogliono circa 20 minuti) o in metropolitana.
Orari di apertura: chiesa (tutti i giorni dalle 11 alle 15.30). Torre: dal 25 febbraio al 30 aprile e dal 1 ottobre al 15 dicembre (lunedì-sabato dalle 10 alle 16; domenica dalle 10.30 alle 16); da maggio a settembre (lunedì-sabato 9.30-19; domenica 10.30-19).
Prezzo del biglietto: chiesa: adulti 45 corone (circa 6 euro). Torre: da maggio a settembre (dal lunedì al giovedì adulti 40 corone; dal venerdì alla domenica adulti 45 corone); dal 25 febbraio al 30 aprile e dal 1 ottobre al 15 dicembre adulti 35 corone (circa 5 euro).

6) Nyhavn

La traduzione del nome significa Porto Nuovo. Nonostante l’appellativo, la zona corrisponde all’antico porto di Copenaghen. E’ uno dei luoghi più suggestivi della capitale danese, si trova nel cuore della città ed è uno dei punti di snodo principali del turismo cittadino. Lungo il porto di Nyhavn sono presenti caffè, pub, ristoranti e locali di altro genere. Il canale principale è costeggiato da tantissime casette colorate che dipingono in modo ancora più affascinante quest’area, resa famosa anche dal fatto che qui visse lo scrittore Hans Christian Andersen, celebre poeta e autore di fiabe. Da questo posto strategico (è stato per secoli un importante crocevia per i commercianti del Nord Europa), inoltre, partono le imbarcazioni turistiche che permettono la visita delle principali attrazioni della città, attraversandone i numerosi canali.
Come arrivare: il porto di Nyhavn è in pieno centro storico, si trova vicino a Kongens Nytorv, al Royal Theatre, alla Charlottenborg Mansion e alla zona pedonale “Strøget”; mentre dista alcuni minuti dai palazzi di Amalienborg e di Christiansborg.

7) Castello di Rosenborg

La fortezza di Rosenborg è di epoca rinascimentale e anch’essa, come tanti altri monumenti di Copenaghen, è posta nel centro della capitale. Il castello, un tempo, era l’antica residenza della famiglia reale, mentre oggi si è trasformato nella sede del “Danske Kongers Kronologiske Samling”, ovvero il Museo delle collezioni reali danesi. Qui si possono trovare una raccolta di manufatti artistici, pitture e arazzi che raccontano la storia, la cultura e l’arte dei sovrani danesi dal XVII al XIX secolo. L’atmosfera del castello è fiabesca grazie ai suoi piccoli mattoni di arenaria rossa, i tetti in rame e le alti torri con le guglie verdi che quasi toccano il cielo. E complice anche la sua ubicazione in mezzo ai più antichi giardini reali in Danimarca e di fronte al famoso Parco botanico. Nel sotterraneo del maniero si ammirano le corone dei sovrani, mentre lo spazio superiore è districato su tre piani con diverse stanze e tantissimi oggetti preziosi da osservare.
Come arrivare: il castello di Rosenborg si raggiunge a piedi o in bicicletta, perché si trova in pieno centro storico, a circa 200 metri dalla Nørreport Station. Se però non vi trovate nel cuore della città, e quindi la località è troppo lontana da raggiungere a piedi o in bici, bisogna per forza usare la metropolitana, il treno o il bus.
Orari di apertura: 17 aprile-15 giugno (tutti i giorni dalle 10 alle 16); 16 giugno-15 settembre (tutti i giorni dalle 9 alle 18); 16 settembre-31 ottobre (tutti i giorni dalle 10 alle 16); 1 novembre-15 aprile (martedì-domenica dalle 10 alle 15).
Prezzo del biglietto: adulti 110 corone (circa 15 euro); bambini e ragazzi fino ai 18 anni entrano gratis; gli studenti e gli over 65 70 corone (circa 8 euro).

You may also like

Email Newsletter