Canne della battaglia parco archeologico

Canne di Battaglia: in Puglia per un viaggio nel tempo

Canne della Battaglia è una località situata a metà strada fra Canosa di Puglia e Barletta, famosa perché si disputò la Battaglia di Canne.

 

 

Circondata da possenti mura, che per molti secoli hanno protetto le popolazioni locali da attacchi nemici, la città offre al visitatore un lungo e affascinante percorso attraverso preziosi rinvenimenti di epoca romana, paleocristiana e medievale.

 

 

Storia di Canne della Battaglia

 

canne della battaglia annibale - Canne di Battaglia: in Puglia per un viaggio nel tempo
Annibale a Canne

 

La battaglia di Canne fu la più grande battaglia della seconda guerra punica ed è considerata tuttora un capolavoro dell’arte militare, il più riuscito esempio di manovra di accerchiamento compiuta da un esercito numericamente inferiore agli avversari.

 

Gran parte degli storici identifica il luogo della battaglia vicino a Canne nei pressi del fiume Ofanto, poco distante dalla città di Barletta, in Puglia. Alcuni esperti, in conformità a recenti studi basati sull’ esame dei documenti storici e rilevamenti archeologici, hanno dimostrato che il luogo della battaglia sia da identificarsi non a Canne bensì più a nord, sulla riva destra del fiume Fortore in località Ischia Rotonda vicino a Carlantino al confine tra Puglia e Molise (dalla parte pugliese), non molto distante da Campobasso.

 

Altri storici localizzano il luogo della battaglia nella valle del Celone presso Castelluccio Valmaggiore, un po’ più a sud. Ad ogni modo questo evento storico rappresenta uno dei migliori esempi di accerchiamento tattico completo della storia militare.

 

La Battaglia di Canne estratto della video ricostruzione in 3D

 

Video by Panebarco & C.

Parco archeologico di Canne della Battaglia

 

canne della battaglia parco archeologico - Canne di Battaglia: in Puglia per un viaggio nel tempo
Canne della Battaglia – Parco Archeologico

 

La visita al parco archeologico ha inizio all’ antiquarium, con reperti che ripercorrono la vita della città di Canne dalla preistoria al medioevo. Il percorso museale si articola in cinque sezioni cronologiche più una sesta dedicata alla presenza di Annibale in Italia durante la seconda guerra punica.

 

Proseguendo si sale alla cittadella, qui è possibile camminare resti della città medievale, sono numerosi i punti in cui si possono notare le stratificazioni risalenti ad epoche differenti. Lungo la strada si fiancheggiano la mura del castello aragonese e ci si trova sul decumano, ai lati di questa strada principale sono presenti diversi tipi di costruzione, dai blocchi ciclopici del V secolo a.C. a murature evidentemente medievali.

 

Proseguendo lungo il decumano si arriva all’area delle basiliche cristiane. La minore è circondata da una vasta area cimiteriale; la maggiore, presenta almeno due fasi di costruzione. Sotto il pavimento della basilica maggiore alcuni scavi hanno evidenziato la presenza di reperti del IV secolo e frammenti di epoca preistorica.

 

Dallo spiazzo antistante l’ antiquarium inizia un viale panoramico che sale verso la zona del villaggio apulo e del sepolcreto. Il villaggio apulo è molto esteso ed, in base ai ritrovamenti, dovrebbe aver raggiunto il massimo della sua importanza dal VI al III secolo a.C.. Molto probabilmente il villaggio venne distrutto durante la battaglia del 216 a.C. e rimase abbandonato fino al periodo medievale quando divenne sede di un cimitero cristiano.

 

All’epoca della scoperta del sepolcreto si pensò che vi fossero sepolti i soldati caduti durante la battaglia. Analizzando successivamente i reperti, però, si capì che molto probabilmente era il cimitero a servizio della cittadella di fronte. Recenti scavi nei pressi della stazione di Canne, hanno portato alla luce il complesso termale di San Mercurio con una cisterna e l’impianto idrico.

 

 

Come prenotare la visita guidata

 

Per prenotazioni e informazioni, si può telefonare, all’Ufficio Informazione Accoglienza Turistica (IAT): c.so Garibaldi n. 201, tel. 0883 331331, email: iat@comune.barletta.bt.it.

L’ ingresso è gratuito.

 

Orari di apertura

-lunedì chiuso;

-martedì chiuso;

-mercoledì chiuso;

-giovedì 10-19;

-venerdì 10-19;

-sabato 10-19;

-domenica 10-19;

I giorni e gli orari di apertura possono subire variazioni.

 

Nel corso di questa visita, sarete profondamente soddisfatti e ripercorrete un viaggio di un tesoro ormai perduto.

 

You may also like

Email Newsletter